Vuoi passare al contenuto? Vai ai contenuti
Convatec Group Contact Us Brasil Brasil United States (English) United States (English) Estados Unidos (Español) Estados Unidos (Español) Argentina Argentina Canada (English) Canada (English) Canada (Français) Canada (Français) Chile Chile Colombia Colombia Ecuador Ecuador México México Perú Perú Belize Belize Guyana Guyana Jamaica Jamaica Venezuela Venezuela Costa Rica Costa Rica Curaçao Curaçao República Dominicana República Dominicana Guatemala Guatemala Honduras Honduras Nicaragua Nicaragua Panamá Panamá Puerto Rico Puerto Rico Suriname Suriname El Salvador El Salvador United Kingdom United Kingdom France France Deutschland Deutschland Italia Italia Україна Україна België België Česko Česko Danmark Danmark España España Ireland Ireland Nederland Nederland Norge Norge Österreich Österreich Polska Polska Schweiz (Deutsch) Schweiz (Deutsch) Slovensko Slovensko Suisse (Français) Suisse (Français) Suomi Suomi Sverige Sverige Türkiye Türkiye Ελλάδα Ελλάδα Россия Россия Bosna i Hercegovina Bosna i Hercegovina България България Eesti Eesti Hrvatska Hrvatska Magyarország Magyarország Ísland Ísland Lietuva Lietuva Latvija Latvija Северна Македонија Северна Македонија Malta Malta România România Srbija Srbija Slovenija Slovenija الإمارات العربية المتحدة الإمارات العربية المتحدة البحرين البحرين مصر مصر ישראל ישראל ایران ایران الأردن الأردن عُمان عُمان قطر قطر پاکستان پاکستان لبنان لبنان الكويت الكويت المملكة العربية السعودية المملكة العربية السعودية Suid-Afrika Suid-Afrika العراق العراق New Zealand New Zealand 日本 日本 Australia Australia India India Malaysia Malaysia Singapore Singapore 대한민국 대한민국 中国大陆 中国大陆 中国台湾 中国台湾 ไทย ไทย Indonesia Indonesia Việt Nam Việt Nam Philippines Philippines Hong Kong SAR China (English) Hong Kong SAR China (English) 中国香港特别行政区 (中文(简体,中国香港特别行政区)) 中国香港特别行政区 (中文(简体,中国香港特别行政区))
False /oidc-signin/it-it/ Convatec Group Contact Us Brasil Brasil United States (English) United States (English) Estados Unidos (Español) Estados Unidos (Español) Argentina Argentina Canada (English) Canada (English) Canada (Français) Canada (Français) Chile Chile Colombia Colombia Ecuador Ecuador México México Perú Perú Belize Belize Guyana Guyana Jamaica Jamaica Venezuela Venezuela Costa Rica Costa Rica Curaçao Curaçao República Dominicana República Dominicana Guatemala Guatemala Honduras Honduras Nicaragua Nicaragua Panamá Panamá Puerto Rico Puerto Rico Suriname Suriname El Salvador El Salvador United Kingdom United Kingdom France France Deutschland Deutschland Italia Italia Україна Україна België België Česko Česko Danmark Danmark España España Ireland Ireland Nederland Nederland Norge Norge Österreich Österreich Polska Polska Schweiz (Deutsch) Schweiz (Deutsch) Slovensko Slovensko Suisse (Français) Suisse (Français) Suomi Suomi Sverige Sverige Türkiye Türkiye Ελλάδα Ελλάδα Россия Россия Bosna i Hercegovina Bosna i Hercegovina България България Eesti Eesti Hrvatska Hrvatska Magyarország Magyarország Ísland Ísland Lietuva Lietuva Latvija Latvija Северна Македонија Северна Македонија Malta Malta România România Srbija Srbija Slovenija Slovenija الإمارات العربية المتحدة الإمارات العربية المتحدة البحرين البحرين مصر مصر ישראל ישראל ایران ایران الأردن الأردن عُمان عُمان قطر قطر پاکستان پاکستان لبنان لبنان الكويت الكويت المملكة العربية السعودية المملكة العربية السعودية Suid-Afrika Suid-Afrika العراق العراق New Zealand New Zealand 日本 日本 Australia Australia India India Malaysia Malaysia Singapore Singapore 대한민국 대한민국 中国大陆 中国大陆 中国台湾 中国台湾 ไทย ไทย Indonesia Indonesia Việt Nam Việt Nam Philippines Philippines Hong Kong SAR China (English) Hong Kong SAR China (English) 中国香港特别行政区 (中文(简体,中国香港特别行政区)) 中国香港特别行政区 (中文(简体,中国香港特别行政区))

Ti presentiamo Josh, membro della community me+

Nel 1995 vivevo in Oregon e correvo in motocross. Ero su una nuova pista che avevo intenzione di seguire in gara quando sono diventato un po' troppo competitivo. Stavo correndo lungo un rettilineo, arrivando su un salto triplo. Stavo andando troppo veloce quando sono uscito dal primo salto e sono atterrato proprio sopra il secondo salto. Ho sorvolato il manubrio della mia motocicletta atterrando sulla mia testa. Avevo un trauma cranico piuttosto grave, avevo lesionato il fascio nervoso principale della spalla (il plesso brachiale) e avevo anche rotto T6 e T7 nel midollo spinale. Ero cosciente, ma non sapevo cosa sarebbe successo dopo.

Pesantemente sedato, non ricordavo molto di quello che era successo per le successive 2 settimane. Quando mi sono reso conto per la prima volta dopo il mio incidente, e dopo essere stato informato di quello che mi era successo, mi è stato anche detto che ero stato in coma per una settimana. Il neurochirurgo è stato molto concreto quando mi ha detto: "Non camminerai mai più".

La prima cosa a cui ho pensato è stata quanto fossi stata fortunata a sopravvivere e a uscire dal coma. Sono sicuro che probabilmente ero sconvolto quando mi è stato detto che non avrei mai più camminato, ma in quel momento, quell'informazione sembrava essersi offuscata dalla mia memoria. Non ho pensato molto all'idea di rimanere paralizzata, fino a quando non sono tornata a casa dall'ospedale. La mia famiglia aveva modificato la nostra casa per renderla più accessibile per me.

Quando sono tornato a casa, avevo ancora la riabilitazione e ho ricominciato a frequentare il liceo. Non ho avuto molto tempo libero, e credo che sia stata una buona cosa per me. Prima dell'infortunio ero un atleta. Giocavo a calcio, lottavo, andavo in motocross, sciavo e guidavo la mia moto fuoristrada. La mia agenda era ancora piena di impegni dopo l'infortunio.

Certo, essere tornato al liceo e su una sedia a rotelle è stato diverso dalla mia vita di prima, ma i miei amici sono stati molto accoglienti. Erano sempre al mio fianco. Quando ero in ospedale, venivano a trovarmi tutti i giorni e a volte di notte. Hanno reso il mio adattamento alla mia nuova vita molto migliore e più facile di quanto sarebbe stato senza di loro.

"L'anno dopo il mio infortunio è stato probabilmente l'anno più difficile per me".

un groupe de personnes posant pour la caméra ;

Ci volle circa un anno prima che riuscissi ad adattarmi veramente alla mia nuova normalità. Grazie al forte sostegno di amici e familiari, non ho avuto grossi problemi di depressione in quel periodo. Sembravano tenermi sempre occupato. Avere quel sistema di supporto ha fatto la differenza nel mio recupero e adattamento.

Dopo il diploma di scuola superiore, mi sono iscritto all'Università dell'Oregon e mi sono laureato in economia. Uno dei vantaggi di andare all'Università dell'Oregon era che il campus era piuttosto collinare. Quelle colline mi hanno aiutato a costruire la mia forza fisica, oltre all'esercizio che stavo già facendo in fisioterapia. Eugene, nell'Oregon, è molto accogliente nei confronti di tutti i tipi di persone. Quella città è stato un ottimo posto per imparare ad adattarmi al mio nuovo corpo.

Mi è piaciuto anche fare da mentore ad altre persone che potrebbero vivere la vita dopo la lesione midollare. Dico ai nuovi feriti in sedia a rotelle di essere preparati perché il primo anno dopo l'incidente sarà il più difficile. Dico loro di ricordare che solo perché sono feriti, non significa che i loro mondi debbano cambiare drasticamente. Sono ancora le stesse persone che erano prima dell'infortunio.

"Se sei una persona ambiziosa, non c'è motivo di pensare che stare su una sedia a rotelle ti impedirà di fare qualsiasi cosa."

Puoi avere tutto ciò che vuoi nella vita. Devi solo lavorare per questo, che tu sia su una sedia a rotelle o meno. Non ho mai pensato che la mia vita dovesse essere diversa solo perché uso una sedia a rotelle. Le persone sono spesso sorprese di sapere che guido o che ho un lavoro a tempo pieno. Non lasciare che qualsiasi cosa ti sia successa ti limiti.

A volte ricevo domande da persone che sono appena arrivate in sedia a rotelle su appuntamenti e matrimoni. Racconto loro quello che una volta mi ha detto un'infermiera. Tutti hanno una disabilità, che tu possa vederla o meno. Mi ha fatto capire che quando hai un'esperienza che ti cambia la vita, devi scegliere se trarne il meglio o meno.

Sono stato davvero fortunato ad avere una normale vita sentimentale e mi sono sposato nell'ottobre 2016. Ho conosciuto mia moglie, Christina, tramite alcuni amici qui in città. In realtà ci siamo incontrati a un baby shower per alcuni amici comuni e abbiamo iniziato a parlare. L'ho invitata a uscire, e il resto è storia.

Amo viaggiare e viaggiare all'estero, c'è un'errata percezione comune che non posso viaggiare da sola. Assolutamente no.

Imparare a improvvisare mi dà forza e viaggiare mi fa sentire libera e indipendente. Col senno di poi, sono stato così felice di aver potuto viaggiare.

Una delle cose che cerco di spiegare ai pazienti appena infortunati è che l'uso di un catetere può sembrare imbarazzante e strano quando si inizia a usarlo. Ma in pochissimo tempo, l'uso di un catetere non sembra scomodo o diverso. Sii paziente e, soprattutto, sii accondiscendente (fai quello che il tuo medico ti dice di fare quando ti dice di farlo). Il tuo medico ti dirà quanto è importante rimanere idratati, quanto spesso dovresti fare il cathing e altro ancora.

Ho dovuto imparare questa verità nel modo più duro. Tuttavia, fortunatamente, ho imparato queste lezioni in tenera età. Quando sei un adolescente, pensi di sapere tutto quello che c'è da sapere, ma una o due infezioni urinarie ti faranno capire che devi usare i cateteri quando il medico ti dice di farlo. Sono diventata molto proattiva nel prendermi cura del mio corpo e nel fare ciò che i medici mi dicono di fare.

un groupe de personnes en fauteuil roulant ;

Josh continua il suo amore per gli sport estremi con il para-bob


Nel 2014 sono andato in Austria per imparare a fare bob e gareggiare con altri atleti paralimpici. Mi sono anche allenato e ho gareggiato sulla pista olimpica di Calgary, in Canada. Questo sport è una scarica di adrenalina pura. Con la sua discesa ad alta velocità lungo uno scivolo di ghiaccio ghiacciato e tortuoso, lo sport del bob e dello skeleton mette alla prova la forza, la finezza e il coraggio di un atleta. La Federazione Internazionale di Bob e Skeleton offre questa stessa sfida agli atleti d'élite che hanno una disabilità attraverso le sue discipline sportive Para-bob e Para-skeleton.

Sono orgoglioso di far parte di uno sport così fantastico e di avere l'opportunità di rappresentare gli Stati Uniti. Il nostro obiettivo è quello di ottenere l'approvazione da parte del comitato olimpico dell'inclusione del para-bob come evento sportivo paralimpico formale nelle prossime Olimpiadi. Se voglio qualcosa, sono la persona che deve perseguirla.

Il mio curriculum agonistico include:

        · Coppa del Mondo Paralimpica 2015-2016 – 8° posto a Calgary (11/15)

        · Coppa del Mondo paralimpica 2014-2015 – 15° posto a Igls (1/15)

Più recentemente, ho contribuito a creare un equipaggio di canottaggio adattivo ad Atlanta e un equipaggio di vela adattivo a Charleston. Ho anche avuto modo di trascorrere del tempo navigando in Spagna su una delle poche navi alte al mondo accessibili in sedia a rotelle, da Maorka a Barcellona, una settimana nel Mediterraneo. Da quando mi sono recentemente trasferito dalla Carolina del Sud allo stato di Washington, mi sono unito a un gruppo di vela locale a Seattle, navigando su una barca di 2,4 metri.

Incoraggio le persone in sedia a rotelle a vivere una vita il più normale possibile e a perseguire la vita che hanno sempre sognato di vivere. Non lasciare che la tua disabilità sia una sfida più di quanto dovrebbe essere.

Ci sono molte opportunità là fuori, non lasciare che la tua disabilità ti trattenga.

Unisciti alla community

Entra a far parte di una community stimolante e condividi il tuo percorso per aiutare altri utenti di cateteri intermittenti.
Condividi la tua storia

Adattarsi al cathing può essere difficile, con una serie di sfide pratiche, fisiche ed emotive. Non devi capirlo da solo.

Parla oggi stesso con un membro del team di supporto di me+™.

Chiama il numero 1-800-422-8811 (MF, 8:30-19:00 ET).

Contattaci

Stai per lasciare convatec.com

Questo sito Internet può fornire link o riferimenti ad altri siti, ma Convatec non ha alcuna responsabilità per il contenuto di tali siti e non sarà responsabile per eventuali danni o lesioni derivanti da tale contenuto. I link ad altri siti sono forniti solo per comodità agli utenti di questo sito Internet.

Continuare?