Vuoi passare al contenuto? Vai ai contenuti
Convatec Group Contact Us Brasil Brasil United States (English) United States (English) Estados Unidos (Español) Estados Unidos (Español) Argentina Argentina Canada (English) Canada (English) Canada (Français) Canada (Français) Chile Chile Colombia Colombia Ecuador Ecuador México México Perú Perú Belize Belize Guyana Guyana Jamaica Jamaica Venezuela Venezuela Costa Rica Costa Rica Curaçao Curaçao República Dominicana República Dominicana Guatemala Guatemala Honduras Honduras Nicaragua Nicaragua Panamá Panamá Puerto Rico Puerto Rico Suriname Suriname El Salvador El Salvador United Kingdom United Kingdom France France Deutschland Deutschland Italia Italia Україна Україна België België Česko Česko Danmark Danmark España España Ireland Ireland Nederland Nederland Norge Norge Österreich Österreich Polska Polska Schweiz (Deutsch) Schweiz (Deutsch) Slovensko Slovensko Suisse (Français) Suisse (Français) Suomi Suomi Sverige Sverige Türkiye Türkiye Ελλάδα Ελλάδα Россия Россия Bosna i Hercegovina Bosna i Hercegovina България България Eesti Eesti Hrvatska Hrvatska Magyarország Magyarország Ísland Ísland Lietuva Lietuva Latvija Latvija Северна Македонија Северна Македонија Malta Malta România România Srbija Srbija Slovenija Slovenija الإمارات العربية المتحدة الإمارات العربية المتحدة البحرين البحرين مصر مصر ישראל ישראל ایران ایران الأردن الأردن عُمان عُمان قطر قطر پاکستان پاکستان لبنان لبنان الكويت الكويت المملكة العربية السعودية المملكة العربية السعودية Suid-Afrika Suid-Afrika العراق العراق New Zealand New Zealand 日本 日本 Australia Australia India India Malaysia Malaysia Singapore Singapore 대한민국 대한민국 中国大陆 中国大陆 中国台湾 中国台湾 ไทย ไทย Indonesia Indonesia Việt Nam Việt Nam Philippines Philippines Hong Kong SAR China (English) Hong Kong SAR China (English) 中国香港特别行政区 (中文(简体,中国香港特别行政区)) 中国香港特别行政区 (中文(简体,中国香港特别行政区))
False /oidc-signin/it-it/ Convatec Group Contact Us Brasil Brasil United States (English) United States (English) Estados Unidos (Español) Estados Unidos (Español) Argentina Argentina Canada (English) Canada (English) Canada (Français) Canada (Français) Chile Chile Colombia Colombia Ecuador Ecuador México México Perú Perú Belize Belize Guyana Guyana Jamaica Jamaica Venezuela Venezuela Costa Rica Costa Rica Curaçao Curaçao República Dominicana República Dominicana Guatemala Guatemala Honduras Honduras Nicaragua Nicaragua Panamá Panamá Puerto Rico Puerto Rico Suriname Suriname El Salvador El Salvador United Kingdom United Kingdom France France Deutschland Deutschland Italia Italia Україна Україна België België Česko Česko Danmark Danmark España España Ireland Ireland Nederland Nederland Norge Norge Österreich Österreich Polska Polska Schweiz (Deutsch) Schweiz (Deutsch) Slovensko Slovensko Suisse (Français) Suisse (Français) Suomi Suomi Sverige Sverige Türkiye Türkiye Ελλάδα Ελλάδα Россия Россия Bosna i Hercegovina Bosna i Hercegovina България България Eesti Eesti Hrvatska Hrvatska Magyarország Magyarország Ísland Ísland Lietuva Lietuva Latvija Latvija Северна Македонија Северна Македонија Malta Malta România România Srbija Srbija Slovenija Slovenija الإمارات العربية المتحدة الإمارات العربية المتحدة البحرين البحرين مصر مصر ישראל ישראל ایران ایران الأردن الأردن عُمان عُمان قطر قطر پاکستان پاکستان لبنان لبنان الكويت الكويت المملكة العربية السعودية المملكة العربية السعودية Suid-Afrika Suid-Afrika العراق العراق New Zealand New Zealand 日本 日本 Australia Australia India India Malaysia Malaysia Singapore Singapore 대한민국 대한민국 中国大陆 中国大陆 中国台湾 中国台湾 ไทย ไทย Indonesia Indonesia Việt Nam Việt Nam Philippines Philippines Hong Kong SAR China (English) Hong Kong SAR China (English) 中国香港特别行政区 (中文(简体,中国香港特别行政区)) 中国香港特别行政区 (中文(简体,中国香港特别行政区))

Stomia e aspetti emotivi – l’esperienza di Paolo

31/01/2022
Un uomo in piedi davanti a uno scaffale di libri ;

La stomia, definitiva o temporanea, è spesso esito di un intervento chirurgico per l’asportazione di un tumore. Quando un paziente assume lo status di malato oncologico ha un crollo psicologico che lo rende fragile, prostrato, disposto a tutto per avere un futuro, un futuro qualsiasi. La sua priorità è avere la speranza di un futuro. Accetta tutto! Vuole tutto! Chemioterapia, radioterapia, chirurgia: qualsiasi percorso proposto diventa un’autostrada verso la vita. Anche una mutilazione.

In questa fase si forma lo stato d’animo “sono vivo e tutto il resto non conta”, fondamentale per andare avanti, per sé e per i propri cari. Bisogna essere positivi e affrontare la nuova vita con un atteggiamento progettuale e una visione del “futuro possibile”. In questa fase sembra essere d’aiuto la valutazione della morte come evento molto probabile. I sopravvissuti a questo percorso devastante vengono accompagnati dagli infermieri stomaterapisti nella gestione quotidiana della stomia, nella scelta del presidio -sacca di raccolta- da utilizzare e nella educazione terapeutica al p

ortatore di stomia e alla famiglia o al caregiver.

Non è previsto – mi riferisco alle realtà a me note e accessibili - un supporto psicologico che permetta l’accettazione della nuova condizione di persona con una grave mutilazione e ne segua il percorso futuro. La vita viene stravolta e si ha bisogno di una guida per non lasciarsi andare e per trovare le risorse per ricostruirsi. All’esito di una singola ferita chirurgica, si sovrappongono molteplici ferite nell’anima che devono essere affrontate e curate.

La quotidianità di una persona colostomizzata

Il confezionamento di una colostomia avviene durante un intervento chirurgico: una estremità del colon viene “abboccata” oltre la parete addominale e suturata per permettere al contenuto fecale di fuoriuscire attraverso una via alternativa a quella naturale ormai impraticabile. Il diametro esterno di una colostomia può variare. Nonostante una parziale elasticità la colostomia non può sicuramente sopportare e gestire agevolmente l’espulsione di feci compatte che abbiano diametro superiore al diametro esterno della stessa.

Per agevolare questo percorso si devono assumere molti liquidi, preferibilmente acqua naturale, per evitare il rischio di disidratazione con conseguente secchezza delle feci. Per contenere le escrezioni si utilizza una sacca di raccolta che è fissata con un sistema adesivo sull’addome in corrispondenza della colostomia. La stomia e la cute intorno alla stessa devono essere sempre pulite e tenute sotto controllo.

Lo sviluppo continuo dei prodotti per la gestione della colostomia e la presenza nel territorio nazionale degli ambulatori specialistici, agevola il percorso di reinserimento nella quotidianità, ma è una quotidianità molto differente che richiede sia una forte attenzione da parte del paziente che la sua tutela. Di seguito alcune difficoltà di gestione della sacca che ho riscontrato.

  • Poiché può capitare che la sacca si riempia in pochi secondi senza alcun preavviso, potrebbe gonfiarsi “a palloncino”, provocando il distacco dell’adesivo e la fuoriuscita degli effluenti sull’addome. Può capitare in ogni momento della giornata, durante il sonno, in un locale pubblico, durante la guida. A questo punto è necessario accedere ad un bagno attrezzato di appendiabiti e di fasciatoio per poggiare, con un minimo di comodità, il necessario per la sostituzione (sacchetto per raccolta indifferenziata, salviette, spray per rimuovere l’adesivo, sacche di scorta, abbigliamento. Purtroppo, pochi servizi pubblici rispettano queste caratteristiche.

Possono verificarsi degli altri “incidenti”, quali: infiltrazioni, odori e rumori dal filtro della sacca di raccolta, il possibile distacco della sacca con le imbarazzanti e drammatiche conseguenze. Quando la sacca si riempie completamente è difficile deambulare, guidare e si diventa improvvisamente “invalidi con capacità di deambulazione impedita, o sensibilmente ridotta”. Questo è ben descritto in questo articolo nel blog di ConvaTec.

Stomia e sessualità

Durante la fase in cui si è condiviso il percorso che ha portato alla stomia, la coppia è cosciente del futuro legato agli aspetti sessuali. Non è semplice e si deve avere una buona intimità. Molto complicata è, invece, la gestione di nuovi rapporti sessuali per chi non è parte di una coppia. Si può arrivare ad una compromissione totale della vita sessuale. Il supporto psicologico e psicoterapeutico deve essere inserito tra le terapie necessarie per perseguire il ritorno ad una normalità piena.

Stomia e lavoro

Quanto scritto precedentemente porta alla necessità di ridisegnare l’abilità lavorativa dello stomizzato in attività confacenti. A questo proposito è fondamentale descrivere nel dettaglio le operazioni quotidiane che lo stomizzato può svolgere senza avere difficoltà e imbarazzo. Di primaria importanza è la verifica della accessibilità dei servizi igienici sia della sede principale di lavoro e delle eventuali sedi secondarie sia dei luoghi in cui ci si deve eventualmente recare per eseguire la propria prestazione lavorativa.

Quando ci si deve recare in altre sedi è prioritario valutare la distanza e la tipologia del mezzo con cui deve essere effettuato il tragitto: infatti è molto differente utilizzare il treno che ha un servizio igienico generalmente accessibile, oppure un autobus. Se si viaggia con un mezzo privato, anche con il proprio mezzo, sarà necessario pensare a quali servizi igienici potranno essere accessibili durante il tragitto. Come alternativa si può decidere di sostituire il presidio in una area di sosta. Si deve tenere in considerazione che per le persone stomizzate, alcuni movimenti bruschi e improvvisi del corpo, potrebbero provocare la fuoriuscita degli effluenti.

Sempre positivi e felici di vivere… e quando si crolla?

Con le proprie forze e il supporto di psicologi, medici e infermieri si riesce a dare di sé un’immagine di forza e positività. La motivazione è maggiore nei primi anni dopo l’operazione. Aver “scampato” la morte e in cambio avere “solo” una mutilazione all’inizio, infatti, può sembrare uno scambio perfetto o quasi.

Col passare degli anni la fase di eccitazione e si potrebbe dire quasi di entusiasmo per essere percepito come una persona “forte” lascia spesso il posto ad una condizione di grave disagio che potrebbe portare al crollo psicologico. Sentirsi diversi, provare imbarazzo, non avere il controllo degli effluenti, doversi giustificare, sono momenti che possono portare ad una drastica riduzione delle relazioni sociali e ad una solitudine “protettiva”.

La capacità di progettualità per il proprio futuro viene meno. Vivere con la stomia mostrando tutta la positività e tutta la forza possibile come dei campioni nella ricostruzione di una vita possibile è certamente il passaggio fondamentale per andare avanti ma non è sufficiente ad evitare il crollo psicologico per il quale è fondamentale farsi aiutare. Farsi aiutare è importante.

Iscriviti a me+ per conoscere tutti i servizi gratuiti pensati per te: CLICCA QUI o sull'immagine sottostante

Un uomo e una donna che ridono ;

 

Blog

Vedi tutto

16/07/2024

Io non sono la mia stomia

una persona seduta a un tavolo con fiori

La storia di Cristina

Fai come Cristina: condividi la tua storia per aiutare gli altri a riprendere il timone della propria vita

Maggiori informazioni

02/07/2024

Io non sono la mia stomia

una donna che indossa gli occhiali

La storia di Chiara

Leggi la storia di Chiara e raccontaci la tua

Maggiori informazioni

11/06/2024

Io non sono la mia stomia

un uomo con i capelli grigi

La storia di Roberto

Lasciati ispirare dalla storia di Roberto e raccontaci la tua

Maggiori informazioni

11/04/2024

Dispositivi convessi

una donna che sorride per la macchina fotografica

Dispositivi_convessi

Simona Facchetti, stomaterapista dell’Ospedale di Rho (Milano) illustra l’uso dei sistemi di raccolta convessi nella gestione delle stomie complesse.

Maggiori informazioni

10/04/2024

Convatec Incontra le Associazioni

un gruppo di persone che tengono in mano un telefono cellulare

Associazione APS

Associazione A.STOM. APS. di Foggia. Per conoscere l'associazione più vicina a casa tua contattaci al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00

Maggiori informazioni

10/04/2024

Io non sono la mia stomia

un uomo in piedi sulle scale

La storia di Sandro

Fai come Sandro: raccontaci la tua storia per aiutare gli altri a riprendere il "timone" della tua vita

Maggiori informazioni

03/04/2024

Io non sono la mia stomia

un uomo in attrezzatura da sci su una montagna innevata

La storia di Mauro

Leggi la storia di Mauro e condividi la tua: puoi aiutare gli altri a riprendere il timone della propria vita

Maggiori informazioni

02/04/2024

Io non sono la mia stomia

un paio di uomini in posa per la macchina fotografica

La storia di Mauro

Leggi la storia di Mauro e raccontaci la tua

Maggiori informazioni

02/04/2024

Io non sono la mia stomia

una persona seduta su una roccia vicino all'acqua

La storia di Loredana

Io non sono la mia stomia - Leggi la storia di Loredana e raccontaci la tua

Maggiori informazioni

26/03/2024

Rivista ConTatto

un gruppo di persone sorridenti

Nuovo numero ConTatto.

ConTatto® è la rivista online dedicata al mondo della stomia.

Maggiori informazioni

25/03/2024

Io non sono la mia stomia

un gruppo di persone che si tengono per mano

La storia di Cinzia

leggi la storia di Cinzia e mandaci la tua

Maggiori informazioni

21/03/2024

Io non sono la mia stomia

una donna con i capelli lunghi

La storia di Anna

Leggi la storia di Anna e condividi la tua!

Maggiori informazioni
Vedi tutto

Stai per lasciare convatec.com

Questo sito Internet può fornire link o riferimenti ad altri siti, ma Convatec non ha alcuna responsabilità per il contenuto di tali siti e non sarà responsabile per eventuali danni o lesioni derivanti da tale contenuto. I link ad altri siti sono forniti solo per comodità agli utenti di questo sito Internet.

Continuare?