Vuoi passare al contenuto? Vai ai contenuti
Convatec Group Contact Us Brasil Brasil United States (English) United States (English) Estados Unidos (Español) Estados Unidos (Español) Argentina Argentina Canada (English) Canada (English) Canada (Français) Canada (Français) Chile Chile Colombia Colombia Ecuador Ecuador México México Perú Perú Belize Belize Guyana Guyana Jamaica Jamaica Venezuela Venezuela Costa Rica Costa Rica Curaçao Curaçao República Dominicana República Dominicana Guatemala Guatemala Honduras Honduras Nicaragua Nicaragua Panamá Panamá Puerto Rico Puerto Rico Suriname Suriname El Salvador El Salvador United Kingdom United Kingdom France France Deutschland Deutschland Italia Italia Україна Україна België België Česko Česko Danmark Danmark España España Ireland Ireland Nederland Nederland Norge Norge Österreich Österreich Polska Polska Schweiz (Deutsch) Schweiz (Deutsch) Slovensko Slovensko Suisse (Français) Suisse (Français) Portugal Portugal Suomi Suomi Sverige Sverige Türkiye Türkiye Ελλάδα Ελλάδα Россия Россия Bosna i Hercegovina Bosna i Hercegovina България България Eesti Eesti Hrvatska Hrvatska Magyarország Magyarország Ísland Ísland Lietuva Lietuva Latvija Latvija Северна Македонија Северна Македонија Malta Malta România România Srbija Srbija Slovenija Slovenija الإمارات العربية المتحدة الإمارات العربية المتحدة البحرين البحرين مصر مصر ישראל ישראל ایران ایران الأردن الأردن عُمان عُمان قطر قطر پاکستان پاکستان لبنان لبنان الكويت الكويت المملكة العربية السعودية المملكة العربية السعودية Suid-Afrika Suid-Afrika العراق العراق New Zealand New Zealand 日本 日本 Australia Australia India India Malaysia Malaysia Singapore Singapore 대한민국 대한민국 中国大陆 中国大陆 中国台湾 中国台湾 ไทย ไทย Indonesia Indonesia Việt Nam Việt Nam Philippines Philippines Hong Kong SAR China (English) Hong Kong SAR China (English) 中国香港特别行政区 (中文(简体,中国香港特别行政区)) 中国香港特别行政区 (中文(简体,中国香港特别行政区))
False /oidc-signin/it-it/ Convatec Group Contact Us Brasil Brasil United States (English) United States (English) Estados Unidos (Español) Estados Unidos (Español) Argentina Argentina Canada (English) Canada (English) Canada (Français) Canada (Français) Chile Chile Colombia Colombia Ecuador Ecuador México México Perú Perú Belize Belize Guyana Guyana Jamaica Jamaica Venezuela Venezuela Costa Rica Costa Rica Curaçao Curaçao República Dominicana República Dominicana Guatemala Guatemala Honduras Honduras Nicaragua Nicaragua Panamá Panamá Puerto Rico Puerto Rico Suriname Suriname El Salvador El Salvador United Kingdom United Kingdom France France Deutschland Deutschland Italia Italia Україна Україна België België Česko Česko Danmark Danmark España España Ireland Ireland Nederland Nederland Norge Norge Österreich Österreich Polska Polska Schweiz (Deutsch) Schweiz (Deutsch) Slovensko Slovensko Suisse (Français) Suisse (Français) Portugal Portugal Suomi Suomi Sverige Sverige Türkiye Türkiye Ελλάδα Ελλάδα Россия Россия Bosna i Hercegovina Bosna i Hercegovina България България Eesti Eesti Hrvatska Hrvatska Magyarország Magyarország Ísland Ísland Lietuva Lietuva Latvija Latvija Северна Македонија Северна Македонија Malta Malta România România Srbija Srbija Slovenija Slovenija الإمارات العربية المتحدة الإمارات العربية المتحدة البحرين البحرين مصر مصر ישראל ישראל ایران ایران الأردن الأردن عُمان عُمان قطر قطر پاکستان پاکستان لبنان لبنان الكويت الكويت المملكة العربية السعودية المملكة العربية السعودية Suid-Afrika Suid-Afrika العراق العراق New Zealand New Zealand 日本 日本 Australia Australia India India Malaysia Malaysia Singapore Singapore 대한민국 대한민국 中国大陆 中国大陆 中国台湾 中国台湾 ไทย ไทย Indonesia Indonesia Việt Nam Việt Nam Philippines Philippines Hong Kong SAR China (English) Hong Kong SAR China (English) 中国香港特别行政区 (中文(简体,中国香港特别行政区)) 中国香港特别行政区 (中文(简体,中国香港特别行政区))

Stomia e alimentazione: mangiar bene si può

Una donna che porta gli occhiali ;

Maura Foltran, stomaterapista dell’Ospedale di Casale Monferrato (AL), illustra perché è importante seguire un’alimentazione equilibrata

Negli ultimi decenni, la problematica relativa alle stomie addominali, ha acquistato un’importanza sempre maggiore. Fino a pochi anni fa, la persona stomizzata, una volta dimessa dall’ospedale, rientrava in una società impreparata ad accoglierla, con una disinformazione sulle varie problematiche psico-fisiche e sociali che costellano la quotidianità di questi pazienti. 

Una riduzione più o meno cospicua dell’intestino può provocare alterazioni di vario grado della capacità di assorbimento degli alimenti e dell’acqua. Al fine di mantenere un sano stato di nutrizione occorre quindi seguire alcune semplici regole, soprattutto nella fase iniziale post dimissione, per consentire all’organismo di reintegrare le sostanze perse attraverso la stomia.

Una nuova ricerca dimostra che, subito dopo l’intervento che porta al confezionamento di una stomia, quanto prima si mangiano alimenti veri dopo l’intervento chirurgico, tanto prima il sistema intestinale tornerà a funzionare. E ricorda di masticare sempre il cibo accuratamente: durante le prime 2-4 settimane il tuo organismo è ancora in fase di guarigione e mangiare alimenti più morbidi o più facili da digerire ne favorirà il recupero.

Le persone stomizzate possono mangiare e bere ciò che vogliono, a meno che il chirurgo o lo stomaterapista non abbia consigliato diversamente.

INDICAZIONI COMPORTAMENTALI

·         Tenere sotto controllo periodicamente il peso corporeo per evitare un brusco aumento/calo ponderale

·         Frazionare l’alimentazione in più pasti (almeno 5-6 giorni) di piccolo volume.

·         Compilare un diario alimentare annotando tutti gli alimenti consumati per poter identificare quelli che creano problemi.

·         Controllare quotidianamente il volume delle urine (attenzione ad un volume inferiore a 1000 ml al giorno) e delle perdite della stomia.

·         Imparare a riconoscere e riferire i segni della disidratazione.

·         Evitare le gomme da masticare e di fumare.

EVITARE I RISCHI DI DISIDRATAZIONE. In genere si manifesta con:

  • ·         Rapida perdita di peso
  • ·         Ridotta emissione di urine che hanno anche un colore più scuro
  • ·         Senso di sete
  • ·         Secchezza della bocca, della lingua, delle labbra, degli occhi, della pelle
  • ·         Calo di pressione
  • ·         Eccessive perdite di liquidi dall’ileostomia (800-1000 ml o svuotamento del sacchetto 5-8 volte al giorno)
  • La disidratazione si previene bevendo a sufficienza per compensare le perdite totali di liquidi dal corpo.

Quando e cosa bere

  • ·         Bere in modo frazionato nel corso delle 24 ore, a piccoli sorsi e preferibilmente lontano dai pasti.
  • ·         Evitare le bevande troppo fredde o troppo calde perché aumentano la peristalsi intestinale.
  • ·         Evitare le bevande gassate perché aumentano il contenuto del gas intestinale e possono gonfiare la stomia.
  • ·         Bere con moderazione le bevande contenenti caffeina (ad esempio il caffè) in quanto possono avere effetti diuretici.
  • ·         Evitare di bere durante la sera per ridurre le scariche intestinali durante la notte
  • ·         Evitare il vino e le bevande alcoliche perché possono essere irritanti per la mucosa intestinale ed avere un effetto lassativo e diuretico

·         Sono consigliate le bevande reidratanti glucosaline (secondo indicazioni fornite durate la visita) per ridurre la diarrea e per favorire il riassorbimento di acqua da parte dell’intestino.

 

Woman with ileostomy after rectal surgery

 

Hai un’ileostomia, devi sapere che puoi evitare sintomi spiacevoli seguendo alcune semplici linee guida, quali:

·         Bevi dagli 8 ai 12 bicchieri d’acqua al giorno per mantenere ottimali i livelli di idratazione

·         Assumi bevande isotoniche per reintrodurre i minerali persi

·         Evita di bere più di una tazza di caffè al giorno

·         Mangia lentamente e mastica ogni singolo boccone accuratamente, per prevenire la produzione eccessiva di aria o il rischio di blocco intestinale.

·         Mangia frutta e verdura ben cotta, senza buccia e senza semi: questo aiuta a ridurre il rischio di complicazioni.

Soprattutto nelle prime 8 – 12 settimane, evita di consumare cibi ricchi di fibre che potrebbero irritare il tuo intestino. In caso di blocco, evita i lassativi perché potrebbero provocare un grave squilibrio di liquidi ed elettroliti. Limita anche il consumo di bevande e cibi zuccherati, per evitare rischi di diarrea. Evita l’alcol e le bevande gassate. Quando inizierai la fase di reintroduzione degli alimenti, fallo lentamente e aggiungendo un cibo alla volta. Ricorda che, oltre ad un’adeguata alimentazione, è importante anche seguire una corretta routine di igiene, per ridurre i rischi di fastidiose irritazioni intorno al tuo stoma.

 

INDICAZIONI GENERALI DIETETICHE

·         Eliminare dalla dieta solo gli alimenti effettivamente non tollerati. Non sono necessarie drastiche restrizioni alimentari, ma è importante reintrodurre, con gradualità tutti gli alimenti, per verificare se siano o meno tollerati dall’organismo.

·         Introdurre un nuovo alimento per volta nella dieta in piccola quantità. Se all’assunzione avverti fastidio, sospenderne temporaneamente il consumo e riprovare ad assumerlo dopo 2-3 giorni prima di eliminarlo definitivamente dalla dieta

·         Mangiare lentamente masticando bene.

·         Scegliere metodi di cottura semplici: al vapore, bolliti, alla griglia, al forno, al cartoccio.

·         Iniziare il pasto consumando il secondo piatto (ad esempio, pesce, carne, etc.) e, solo successivamente, il primo piatto.

·         Consumare preferibilmente frutta cotta, passata o centrifugata. La frutta è concessa purché ben matura e privata di semi e buccia.

 

Alimenti consigliati in caso di ileostomia:

Un adulto perde in media 2/2,5 litri di acqua al giorno, ma una persona con una ileostomia ne perde circa un litro in più. Devi dunque prestare una particolare attenzione alla tua idratazione giornaliera.

Ecco una lista di cibi e bevande per una corretta alimentazione e idratazione:

  • ·         Latte scremato o a basso contenuto di grassi (1% o 2%)
  • ·         Latte in polvere, di soia o di mandorla
  • ·         Latticini senza lattosio
  • ·         Yogurt
  • ·         Formaggio
  • ·         Gelato a basso contenuto di grassi o sorbetto
  • ·         Proteine ​​animali magre, come:
  • o   Carni magre
  • o   Pollame senza pelle
  • o   Pesce
  • ·         Burro di arachidi cremoso
  • ·         Succhi di verdura senza polpa
  • ·         Acqua
  • ·         Caffè decaffeinato o tè deteinato
  • ·         Bevande non gassate
  • ·         Bevande isotoniche (utili per il loro contenuto di elettroliti)
  • ·         Soluzioni per la reidratazione

Cibi a basso contenuto di fibre, come:

  • ·         Succhi di frutta senza polpa (eccetto il succo di prugna e succo d’uva)
  • ·         Frutta pelata e cotta
  • ·         Anguria e melone
  • ·         Arance senza albedo (parte bianca)
  • ·         Banane mature

Alimenti da evitare o limitare con un’ileostomia

Alcuni alimenti assorbono l’acqua nell’intestino, aumentando il rischio di disidratazione (nel caso in cui l’acqua assorbita non venga prontamente rimpiazzata). Questi cibi, se consumati senza moderazione, potrebbero anche causarti problemi di digestione come: costipazione, gas e gonfiore. Limita l’assunzione dei seguenti alimenti:

Latte ad alto contenuto di grassi e latticini, come:

  • ·         Latte intero
  • ·         Gelato
  • ·         Latticini con lattosio (se sei intollerante)
  • ·         Alimenti ricchi di grassi come:
  • ·         Carne rossa
  • ·         Pollame (con pelle)
  • ·         Pesci grassi

Alimenti ricchi di fibre come:

  • ·         Legumi (secchi e in scatola)
  • ·         Cereali integrali (pane integrale, riso integrale, cereali con crusca, quinoa e grano saraceno)
  • ·         Verdure crude (tranne la lattuga)
  • ·         Frutta ricca di fibre come:
  • ·         Frutta fresca (banane, cachi, kiwi, guava, arance, limoni, melograno etc.)
  • ·         Succo di prugna
  • ·         Succo d’uva

Alimenti ricchi di grassi come:

  • ·         Cibi fritti
  • ·         Bevande alcoliche e gassate (provocano gas e disidratazione)

Di seguito sono elencati gli alimenti da evitare completamente in quanto potrebbero causarti un blocco intestinale:

  • ·         Mais
  • Frutta fresca come:
  • ·         Mele
  • ·         Fragole
  • ·         Mirtilli
  • ·         Lamponi
  • ·         More
  • ·         Uva

È importante bere acqua e rimanere idratati.

Con il passare del tempo, imparerai a monitorare e gestire la consistenza delle tue feci. Questa operazione è importante perché ti permetterà di capire quali alimenti favoriscono il tuo benessere intestinale. Tuttavia, la consistenza degli effluenti non dipende solo dall’assunzione di cibo e bevande, ma anche dalla sede in cui è stata confezionata la stomia.

In una colostomia ascendente, la maggior parte del colon viene rimossa o bypassata e la stomia viene confezionata nella parte inferiore destra dell’addome. In questo tipo di colostomia, gli effluenti sono in genere acquosi e si registra un’elevata formazione di gas. La capacità di assorbire liquidi ed elettroliti è ridotta. Potresti disidratarti facilmente tramite la sudorazione eccessiva, la diarrea e/o il vomito. Pertanto, la produzione di effluenti meno liquidi sarà un indicatore di una buona assimilazione di nutrienti e liquidi.

La procedura viene fatta nella parte trasversale del colon, situata al centro dell’addome, sopra l’ombelico. La consistenza degli effluenti varia da liquidi a pastosi o semi-formati. La produzione di gas è comune e la capacità di assorbimento liquidi ed elettroliti è ridotta. 

Una porzione dell’intestino crasso, che si trova al centro del lato sinistro dell’addome, viene rimossa o bypassata. Gli effluenti tendono ad avere una consistenza che varia da semi-formata a formata e nella maggior parte dei casi, le persone con una colostomia discendente riescono ad assorbire bene i nutrienti e i liquidi. 

La procedura viene eseguita nel colon sigmoideo situato nella parte inferiore sinistra dell’addome. La consistenza delle feci sono semi-formate o solide e la capacità di assorbire i nutrienti è maggiore rispetto agli altri tre tipi di colostomia. 

Linee guida per una sana alimentazione per pazienti con colostomia ascendente e trasversa

 

Ai pazienti con colostomia ascendente e trasversa, si raccomanda un’alimentazione priva di scorie, che includa preparazioni che non accelerino il transito intestinale o causino distensione addominale.

 

Dieta a basso contenuto di fibre

Limita le fibre durante le prime 2 settimane dopo l’intervento per evitare qualsiasi reazione allergica o irritativa. Molto probabilmente, sarai in grado di reintrodurre la tua dieta abituale dopo circa 6 settimane. Questa decisione però spetterà al tuo medico che valuterà le tue condizioni di salute durante le visite di controllo. Nel frattempo, fai buon uso di queste linee guida per evitare il rischio di complicazioni e soprattutto per gestire al meglio la consistenza delle feci e la produzione di gas.

 

Cibi da evitare

Cibi Consigliati

Alimenti integrali

Frutta fresca sbucciata

Frutta secca

Centrifughe di frutta

Legumi

Pane bianco

Frutta con buccia

Pasta bianca

Verdure che potrebbero causare la formazione di gas e cattivi odori come: cavolo, broccoli, funghi, asparagi, aglio e cipolle

Riso bianco

Alimenti poveri di grassi e colesterolo

 

Alcuni latticini e grassi oltre a rendere le feci molto liquide, possono anche causare la produzione di molta aria e cattivi odori. Di seguito sono riportati alcuni alimenti da evitare o mangiare con moderazione per evitare i problemi sopra elencati.

Tieni presente che ogni persona è unica.  Solo con il passare del tempo capirai quali alimenti evitare.

Cibi da evitare

Cibi Consigliati

Formaggi grassi

Grassi vegetali

Salumi

Latticini senza lattosio, con latte scremato

Uova

Yogurt con probiotici

Carne rossa

Carni bianche: pollo, tacchino e coniglio

Pesci grassi

Merluzzo e sardine

Acqua per una perfetta idratazione

 

L’assunzione giornaliera di liquidi è fondamentale, bisognerebbe bere dagli 8 ai 10 bicchieri al giorno (2 litri). Alcune bevande possono aiutarti ad evitare la stitichezza e altre possono causare diarrea. Tuttavia, tieni presente che lo stress e i farmaci possono essere la causa principale degli effluenti liquidi.

Evita bevande:

Bevande consigliate

Molto fredde

Succo di pera e prugna

Gassate e zuccherate

Centrifughe di frutta

Alcoliche (provocano disidratazione)

Centrifughe di verdura

Con caffeina (accelera i movimenti intestinali)

Bevande isotoniche

 

Dieta povera di acido urico e ossalati

 

Per prevenire ulteriori problemi intestinali, ti raccomandiamo di mantenere un basso livello di acido urico nelle urine.

 

Cibi da evitare:

  • ·         Salumi
  • ·         Altre carni lavorate (specialmente con maiale)
  • ·         Carne rossa
  • ·         Pollame
  • ·         Pesce
  • ·         Alcol
  • ·         Bibite gassate

 

Inoltre, alcune persone sono sensibili all’acido ossalico presente in diversi alimenti. Se il tuo medico ti consiglia una dieta priva di ossalati, evita o limita l’assunzione dei seguenti cibi.

 

Cibi da evitare o limitare:

  • ·         Spinaci
  • ·         Verza
  • ·         Bietole
  • ·         Pomodori verdi
  • ·         Rabarbaro
  • ·         Legumi
  • ·         Barbabietole
  • ·         Zucca
  • ·         Cacao e cioccolato
  • ·         Prezzemolo
  • ·         Erba cipollina
  • ·         Sedano
  • ·         Frutta secca
  • ·         Bevande alla soia

 

Linee guida per una sana alimentazione per pazienti con colostomia discendente e sigmoidea

 

I pazienti con colostomia discendente e sigmoidea devono seguire una dieta leggera, che includa preparazioni facilmente digeribili ed evitare cibi che causano la distensione addominale o l’irritazione dello stoma.

 

Alimenti a basso contenuto di fibre

 

Pane, pasta e riso bianco possono essere aggiunti alla tua dieta, evita però cereali integrali, legumi freschi e secchi come fave, lenticchie e ceci poiché sono ricchi di fibre e potrebbero causarti fastidi, come il gonfiore addominale. Evita anche tutti i tipi di verdure che potrebbero causarti un’eccessiva flatulenza. Di seguito troverai una tabella riassuntiva degli alimenti consigliati e sconsigliati per una dieta a basso contenuto di fibre:

 

Assicurati che siano ben cotti.

+

Pane bianco

Cereali integrali

Pasta bianca

Legumi freschi e secchi

Riso bianco

Cavolfiore

Carote

Broccoli

Fagiolini

Cipolla

Bietola

Paprika

Patate e patate dolci (prive della loro buccia)

Aglio

Zucca

Coriandolo

Sedano

Cetrioli

Pomodori (senza buccia e semi)

Mais

Zucchine (senza semi)

Asparagi

Frutta cotta: mela, pesca, albicocca e prugna

Carciofi

 

Proteine ​​animali a basso contenuto di grassi

Se vivi con una colostomia discendente o sigmoidea, potresti consumare latticini e derivati con latte scremato o a basso contenuto di grassi, compresi formaggio e yogurt senza lattosio.

Qui di seguito ci sono alcune proteine animali a basso contenuto di grassi da aggiungere alla tua dieta:

·         Carni magre (tacchino, pollo e coniglio)

·         Pesce bianco (merluzzo, sogliola, nasello, branzino e polpo)

·         Albume d’uovo

 

Alimenti da evitare per il benessere del colon

 

Evita i seguenti alimenti per mantenere il tuo intestino in salute:

·         Verdure crude

·         Frutta secca

·         Birra e altre bevande alcoliche

·         Cereali

Ricorda che oltre ad un’adeguata alimentazione è importante anche seguire una corretta routine di igiene, per ridurre i rischi di fastidiose irritazioni attorno al tuo stoma.

 

 

Dieta Colostomia: tabella riassuntiva degli alimenti consigliati e sconsigliati

 

CATEGORIA ALIMENTARE

CONSIGLIATI

SCONSIGLIATI

Prodotti lattiero-caseari

  • latte scremato e senza lattosio
  • yogurt e formaggio fresco
  • latte intero
  • yogurt con pezzi di frutta, cereali, o frutta secca
  • formaggi grassi

Grassi

  • olio extra vergine di oliva
  • olio di girasole
  • burro
  • margarina

Carne, pesce e uova

  • carne magra,
  • prosciutto cotto,
  • pollo e tacchino senza pelle,
  • coniglio,
  • pesce bianco
  • albume d’uovo
  • carni fibrose e grasse
  • salsicce e paté
  • frutti di mare
  • tuorlo d’uovo

Cereali, legumi e tuberi

  • pasta bianca
  • pane bianco e biscotti
  • riso bianco
  • patate (senza la buccia)
  • cereali integrali
  • fave
  • Piselli
  • lenticchie
  • fagioli
  • ceci

Frutta

  • tutta la frutta cotta o sciroppata (tranne l’ananas)
  • Frutta matura come banana, mela e pera senza buccia e semi
  • la maggior parte della frutta fresca, specialmente melone, anguria, ananas
  • frutta secca

Verdure

  • verdure ben cotte: carote, fagiolini, bietole, patate e patate dolci senza buccia, zucca, sedano, pomodori e zucchine (senza buccia e semi)
  • verdure molto fibrose e che inducono gas come: cavolo, cavolfiore, broccoli, cipolla, paprika, peperoni, aglio, coriandolo, cetriolo, mais, asparagi e carciofi

Bevande

  • acqua
  • infusioni
  • succhi freschi filtrati
  • bevande sportive
  • Brodo leggero con poco grasso
  • bevande gassate
  • caffè
  • bevande alcoliche
  • bevande energetiche

Dolci e dolcificanti

  • miele e zucchero
  • torte e biscotti fatti in casa con bassa quantità di grassi
  • cioccolato e cacao
  • merendine e torte confezionate
  • biscotti integrali

Condimenti

  • sale
  • zuppe e altri piatti preconfezionati
  • sughi pronti
  • spezie

Qui di seguito altre informazioni che possono esserti utili.

Una sana alimentazione è determinante per il tuo benessere

 

 

Alimenti invece CHE riducono il cattivo odore:

  • ·         Succo di pomodoro
  • ·         Yogurt (con probiotici)
  • ·         Prezzemolo
  • ·         Acqua alla menta

 

Diarrea

 

Se ti capita di avere evacuazioni molto liquide e frequenti (4 o più volte al giorno), potrebbero essere causate da alimenti poco adeguati, come:

  • ·         Verdure crude o poco cotte
  • ·         Spezie
  • ·         Prugne e fichi
  • ·         Cioccolato
  • ·         Frutta secca
  • ·         Frutta fresca
  • ·         Condimento per insalata
  • ·         Succo di frutta non filtrati
  • ·         Cibi molto speziati e grassi
  • ·         Crusca
  • ·         Cereali
  • ·         Rabarbaro
  • ·         Spinaci

Non esiste una vera e propria dieta da seguire per le persone stomizzate, ma alimentarsi in maniera corretta è molto importante. Da qui l'idea di creare mezzi informativi che possono aiutare le persone a gestire serenamente la loro situazione e a migliorare la propria qualità di vita

UN ESEMPIO DI RICETTA

 

Ingredienti per 6 persone: – 500 g riso Carnaroli– 4 cespi di radicchio rosso di Treviso lavato, asciugato e tagliuzzato– 1 cipolla bianca, pelata e tritata– una ventina di gherigli di noce, frantumati– circa 1,5 L di brodo vegetale– 1 bicchiere di vino rosso– Circa 70 g di burro freddo, tagliato a cubetti– circa 70 g

PREPARAZIONE: In una casseruola con il fondo pesante, stufare con un filo d’olio la cipolla e, poco dopo unite il radicchio. Aggiungere poi il riso, lasciarlo tostare qualche minuto tenendolo regolarmente mescolato, bagnare con il vino e lasciarlo sfumare completamente prima di cominciare a bagnare con il brodo bollente aggiungendolo pian piano fino a portare a cottura il riso; al termine della cottura, togliere dal fuoco, aspettare mezzo minuto, aggiungere burro e formaggio. Mantecare vigorosamente e servire all’onda. Quando si manteca il risotto è molto importante che la temperatura del riso non sia bollente, quindi, oltre al fatto di spegnere o spostare la pentola, è necessario anche lasciar riposare un momento il riso affinché la temperatura scenda, per non danneggiare il formaggio e il burro, e creando così un risultato cremoso.

Cucinare correttamente gioca un ruolo importante.

Il cibo preparato a casa tende ad essere più nutriente di quello preparato fuori casa e la varietà dietetica più sana viene raggiunta da chi cucina regolarmente ingredienti freschi. In un’era in cui malattie legate alla dieta continuano ad espandersi in molte parti del mondo occidentale e non, c’è una grande necessità di migliorare la salute pubblica. Ravvivare la capacità di cucinare, così come creare fiducia nel preparare buon cibo, potrebbe avere un impatto enormemente positivo nella scelta del cibo e nel tipo di alimentazione.

L’unico modo di continuare a stare in salute è mangiare ciò che non si vuole, bere quel che non piace e fare ciò che si preferirebbe evitare!

 

Blog

Vedi tutto

12/02/2024

Aspetti legali

un uomo in giacca e cravatta con le braccia incrociate

Aspetti burocratici

Per ricevere supporto per orientarti tra le pratiche burocratiche, contattaci al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00

Maggiori informazioni

31/01/2024

Io non sono la mia stomia

una donna seduta su una sedia all'esterno

Giuliana C

La tua storia può aiutare gli altri a riprendere il timone della propria vita: condividi la tua esperienza e inviacela per e-mail all'indirizzo convatel.italia@convatec.com

Maggiori informazioni

31/01/2024

Io non sono la mia stomia

un uomo in una giacca gialla che tiene una bicicletta in riva a un fiume

Massimo B

La tua storia può aiutare gli altri a riprendere il timone della propria vita: inviacela per e-mail all'indirizzo convatel.italia@convatec.com

Maggiori informazioni

22/01/2024

Il parere degli esperti

un medico e un paziente

Quando confezionare una stomia

Per conoscere l'ambulatorio di stomaterapia più vicino alla Sua abitazione, contatti il servizio me+ al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00

Maggiori informazioni

22/01/2024

Il parere degli esperti

una donna che sorride per la macchina fotografica

Integrità della cute

Per conoscere l'ambulatorio di stomaterapia più vicino a casa tua, contatta il servizio me+ al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00

Maggiori informazioni

12/02/2024

Il parere degli esperti

una donna che parla al cellulare

Stomia e complicanze

Per conoscere l'ambulatorio più vicino a casa tua contattaci al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00

Maggiori informazioni

22/01/2024

Il parere degli esperti

un medico che si prende cura di un paziente

Confezionare una stomia

Per conoscere l'ambulatorio di stomaterapia più vicino alla tua abitazione, contattaci al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00.

Maggiori informazioni

22/01/2024

Il parere degli esperti

una persona seduta su una sedia

Scegliere il sistema di raccolta

Per conoscere l'ambulatorio di stomaterapia più vicino alla tua abitazione, contattaci al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00

Maggiori informazioni

22/01/2024

Il parere degli esperti

una donna che indossa gli occhiali

Stomia e accessori

Per conoscere l'ambulatorio di stomaterazpia più vicino alla tua abitazione, contatta il servizio me+ al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00

Maggiori informazioni

01/02/2024

Il parere degli esperti

un primo piano della mano di un bambino che tiene la mano di un bambino

Come effettuare lo stomacare

Per conoscere l'ambulatorio più vicino alla tua abitazione, contattaci al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00.

Maggiori informazioni

17/01/2024

Il parere degli esperti

una tavola imbandita di cibo

Alimentazione e stomia: mangiare bene

Per conoscere l'ambulatorio di stomaterapia più vicino alla tua abitazione, contattaci al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00

Maggiori informazioni

03/10/2023

Il parere degli esperti

una donna seduta a un tavolo

L’assistenza al paziente: l’importanza dell’ambulatorio di stomaterapia

Per conoscere l'ambulatorio più vicino a casa tua, contattaci al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00

Maggiori informazioni
Vedi tutto

Stai per lasciare convatec.com

Questo sito Internet può fornire link o riferimenti ad altri siti, ma Convatec non ha alcuna responsabilità per il contenuto di tali siti e non sarà responsabile per eventuali danni o lesioni derivanti da tale contenuto. I link ad altri siti sono forniti solo per comodità agli utenti di questo sito Internet.

Continuare?

Supporto
Contattaci
Convatec si impegna a mostrare sempre le informazioni e i dati più recenti, quindi le nostre pagine Web vengono continuamente riviste e aggiornate per garantire che dispongano delle informazioni più aggiornate e pertinenti