Vuoi passare al contenuto? Vai ai contenuti
Convatec Group Contact Us Brasil Brasil United States (English) United States (English) Estados Unidos (Español) Estados Unidos (Español) Argentina Argentina Canada (English) Canada (English) Canada (Français) Canada (Français) Chile Chile Colombia Colombia Ecuador Ecuador México México Perú Perú Belize Belize Guyana Guyana Jamaica Jamaica Venezuela Venezuela Costa Rica Costa Rica Curaçao Curaçao República Dominicana República Dominicana Guatemala Guatemala Honduras Honduras Nicaragua Nicaragua Panamá Panamá Puerto Rico Puerto Rico Suriname Suriname El Salvador El Salvador United Kingdom United Kingdom France France Deutschland Deutschland Italia Italia Україна Україна België België Česko Česko Danmark Danmark España España Ireland Ireland Nederland Nederland Norge Norge Österreich Österreich Polska Polska Schweiz (Deutsch) Schweiz (Deutsch) Slovensko Slovensko Suisse (Français) Suisse (Français) Portugal Portugal Suomi Suomi Sverige Sverige Türkiye Türkiye Ελλάδα Ελλάδα Россия Россия Bosna i Hercegovina Bosna i Hercegovina България България Eesti Eesti Hrvatska Hrvatska Magyarország Magyarország Ísland Ísland Lietuva Lietuva Latvija Latvija Северна Македонија Северна Македонија Malta Malta România România Srbija Srbija Slovenija Slovenija الإمارات العربية المتحدة الإمارات العربية المتحدة البحرين البحرين مصر مصر ישראל ישראל ایران ایران الأردن الأردن عُمان عُمان قطر قطر پاکستان پاکستان لبنان لبنان الكويت الكويت المملكة العربية السعودية المملكة العربية السعودية Suid-Afrika Suid-Afrika العراق العراق New Zealand New Zealand 日本 日本 Australia Australia India India Malaysia Malaysia Singapore Singapore 대한민국 대한민국 中国大陆 中国大陆 中国台湾 中国台湾 ไทย ไทย Indonesia Indonesia Việt Nam Việt Nam Philippines Philippines Hong Kong SAR China (English) Hong Kong SAR China (English) 中国香港特别行政区 (中文(简体,中国香港特别行政区)) 中国香港特别行政区 (中文(简体,中国香港特别行政区))
False /oidc-signin/it-it/ Convatec Group Contact Us Brasil Brasil United States (English) United States (English) Estados Unidos (Español) Estados Unidos (Español) Argentina Argentina Canada (English) Canada (English) Canada (Français) Canada (Français) Chile Chile Colombia Colombia Ecuador Ecuador México México Perú Perú Belize Belize Guyana Guyana Jamaica Jamaica Venezuela Venezuela Costa Rica Costa Rica Curaçao Curaçao República Dominicana República Dominicana Guatemala Guatemala Honduras Honduras Nicaragua Nicaragua Panamá Panamá Puerto Rico Puerto Rico Suriname Suriname El Salvador El Salvador United Kingdom United Kingdom France France Deutschland Deutschland Italia Italia Україна Україна België België Česko Česko Danmark Danmark España España Ireland Ireland Nederland Nederland Norge Norge Österreich Österreich Polska Polska Schweiz (Deutsch) Schweiz (Deutsch) Slovensko Slovensko Suisse (Français) Suisse (Français) Portugal Portugal Suomi Suomi Sverige Sverige Türkiye Türkiye Ελλάδα Ελλάδα Россия Россия Bosna i Hercegovina Bosna i Hercegovina България България Eesti Eesti Hrvatska Hrvatska Magyarország Magyarország Ísland Ísland Lietuva Lietuva Latvija Latvija Северна Македонија Северна Македонија Malta Malta România România Srbija Srbija Slovenija Slovenija الإمارات العربية المتحدة الإمارات العربية المتحدة البحرين البحرين مصر مصر ישראל ישראל ایران ایران الأردن الأردن عُمان عُمان قطر قطر پاکستان پاکستان لبنان لبنان الكويت الكويت المملكة العربية السعودية المملكة العربية السعودية Suid-Afrika Suid-Afrika العراق العراق New Zealand New Zealand 日本 日本 Australia Australia India India Malaysia Malaysia Singapore Singapore 대한민국 대한민국 中国大陆 中国大陆 中国台湾 中国台湾 ไทย ไทย Indonesia Indonesia Việt Nam Việt Nam Philippines Philippines Hong Kong SAR China (English) Hong Kong SAR China (English) 中国香港特别行政区 (中文(简体,中国香港特别行政区)) 中国香港特别行政区 (中文(简体,中国香港特别行政区))

Presidi convessi: perché e quando utilizzarli

03/10/2023
Un uomo che porta gli occhiali ;

Quando è necessario adoperare un dispositivo convesso? Ce ne parla Tomas Sirtoli, stomaterapista dell’Humanitas Gavazzeni di Bergamo

 

Ogni paziente stomizzato è unico nel suo percorso terapeutico, nello stile di vita, nelle abitudini; ogni stomia, a sua volta, è unica, nella forma, per il confezionamento. Per questo è fondamentale utilizzare un sistema di raccolta che garantisca la miglior qualità di vita possibile. Questa può essere misurata in svariati modi, ma è imprescindibile, per una persona stomizzata, poter contare su una sacca che aiuti a mantenere l’integrità della cute peristomale, eviti le infiltrazioni degli effluenti al di sotto della placca, offra sicurezza nella vita di tutti i giorni e nelle relazioni.

 

Per poter raggiungere tali obiettivi, sono stati realizzati prodotti che, grazie alle loro diverse caratteristiche, rispondono alle più svariate esigenze: sistemi monopezzo o a due pezzi, con placche modellabili o conformabili, materiali traspiranti, etc. ogni persona ha la possibilità di scegliere, in maniera mirata, il sistema di raccolta che preferisce. Una delle caratteristiche che nel tempo ha ottenuto sempre più maggior consenso è la convessità.

 

Quando si parla di dispositivo convesso, si intende la curvatura esterna della placca che entra in contatto diretto con la pelle del paziente. La placca convessa esercita pressione sulla cute peristomale, distendendo o appiattendo eventuali pieghe cutanee e favorendo l’estroflessione della stomia rispetto all’addome. I sistemi di ultima generazione presentano caratteristiche sempre più innovative in termini di spessore e misure.

 

Questa tipologia di prodotti consente di gestire diverse tipologie di problematiche inerenti alla conformazione dello stoma e/o l’anatomia addominale che possono facilmente portare ad infiltrazioni degli effluenti, distacco precoce del presidio e conseguenti alterazioni cutanee. L’utilizzo di un sistema convesso si rende necessario nei seguenti casi.

 

·         Stomie retratte: si tratta di uno slivellamento della stomia al di sotto del piano addominale, causato da un eccessivo spessore della parete, il più delle volte per la presenza di adipe. Oppure, può essere il risultato di una procedura chirurgica non corretta con mobilizzazione di un tratto di viscere insufficiente che possa portare ad eccessiva trazione o a sofferenza vascolare con esiti ischemici o ancora per presenza di reazione cicatriziale esuberanti.

·         Stomie malposizionate: il “disegno preoperatorio” è il requisito basilare per la scelta del sito ove confezionare una stomia tenendo in considerazione che l’area circostante ne permetta una corretta apparecchiatura. Occorre valutare correttamente il sito anatomico (distanza dalle sporgenze ossee e dall’incisione laparotomica), le variazioni dovute alle varie posizioni che il corpo assume durante la vita quotidiana, la presenza o meno di un addome pendulo e le abitudini della persona (vestiario, attività lavorativa e/o fisica); l’inosservanza di tale procedura, può rendere complicata la gestione futura del presidio.

·         Stomie confezionate su addome flaccido, lasso o pendulo: quando l’addome si presenta poco tonico, la presenza di una stomia, con i suoi esiti cicatriziali, non trova il giusto supporto, sprofondando all’interno di pliche cutanee o introflettendosi con conseguente estrema difficoltà nel trovare e gestire un presidio di raccolta.

·         Stomie estroflesse rispetto al piano cutaneo, ma con apertura dell’ansa proiettata verso o vicino al piano cutaneo. Tipologie di stomia simile sono spesso frutto di un confezionamento chirurgico inadeguato o di un processo di cicatrizzazione alterato o, nel caso di stomie ad ansa (loop Ileostomy) di una rimozione precoce della bacchetta di sostegno. Una tale morfologia comporta l’eliminazione degli effluenti in una posizione troppo vicina alla cute peristomale con conseguente aumentato rischio di insorgenza di dermatiti da contatto.

·         Stomie ad “alta portata”: rientra in tale classificazione ogni stomia che abbia una produzione di effluenti giornaliera maggiore di 750 ml per le colostomie e 1500/2000 ml per le ileostomie. Una produzione così elevata aumenta esponenzialmente il rischio di infiltrazioni tra la cute e la barriera cutanea. Va tenuto, inoltre, in considerazione che le ileostomie producono materiale fecale ricco di enzimi digestivi (gastrici, pancreatici...) che possono accelerare il processo di erosione della placca.

·         Cute peristomale con pieghe e/o pliche: a seconda di come una persona si posiziona durante determinati movimenti, può creare sull’addome una serie di alterazioni della morfologia che si manifestano sotto forma di “canali”. Queste deformazioni posso contribuire alla fuoriuscita degli effluenti al di sotto della placca aumentando il rischio di distacchi precoci e formazione di erosioni cutanee. L’utilizzo di un sistema di raccolta “piano” non permette di agire meccanicamente sulla morfologia addominale in maniera efficace.

·         Stomie a filo del piano cutaneo: in condizioni morfologiche ottimali, con addome piano, tonico, privo di cicatrici o alterazioni di sorta, la stomia ideale dovrebbe essere confezionata in modo che sporga dal piano cutaneo di 2,5 cm; ogni modificazione, dalla tecnica chirurgica, al malposizionamento all’anatomia addominale può contribuire a creare derivazioni a “filo del piano cutaneo” (cosiddette “Flush Stoma”). Tale conformazione fa sì che la fuoriuscita degli effluenti non sia ideale; il materiale enterico (o urinario) si accumula all’ingresso della sacca prima di scendere sul fondo, esponendo la barriera cutanea ad una maggiore usura e deterioramento e riducendo sensibilmente i tempi di adesione.

 

A seguito delle indicazioni finora elencate vi sono diverse considerazioni da effettuare quando si utilizzano barriere convesse. La scelta di quale tipologia di dispositivo sia necessario utilizzare, avviene già alla prima apparecchiatura in sala operatoria ma, al rientro in reparto, l’infermiere o lo stomaterapista che effettua la prima valutazione può decidere di applicare un sistema convesso mantenendo alta l’attenzione su quali rischi tale utilizzo possa comportare. Infatti, uno spessore elevato della convessità può esercitare troppa pressione nell’area peristomale e causare complicanze quali eritema, ematomi e ulcerazioni, ischemie superficiali, distacchi della sutura.

 

Un ulteriore rischio potrebbe essere causato dallo sfregamento della barriera convessa contro la stomia e causare una ipergranulazione: quest’ultima è la formazione di escrescenze di tessuto intorno alla giunzione della stomia e della pelle circostante. Questi noduli potrebbero sanguinare e creare problemi di tenuta del dispositivo. Davanti alla necessità di utilizzare un dispositivo convesso, è bene partire con uno con una convessità leggera (spessore di circa 4mm), che non influisce sul processo di riparazione tissutale in caso di eventuali alterazioni della cute peristomale, ma consente di apportare una minima pressione nella zona peristomale o il livellamento di un piano addominale flaccido, anche in caso di stomia estroflessa.

 

Durante il percorso di un paziente neo-stomizzato, si può assistere ad una serie di modificazioni che spaziano dall’anatomia addominale (aumento o calo del peso) al tono muscolare (ipo o ipertono) alla ripresa o meno delle proprie attività, alla modifica del tipo di alimentazione, all’esecuzione di particolari trattamenti sanitari (chemio o radio terapie...) di conseguenza anche lo stoma può subire diverse modificazioni nell’aspetto, nella forma, nell’estroflessione.

 

Tali modifiche, rendono a volte necessari cambi di dispositivo, con l’introduzione dei prodotti convessi, anche con spessori più accentuati, con l’aggiunta di anelli modellabili o paste livellatrici o ancora cinture di sostegno. L’ampia gamma di modelli e accessori oggi a disposizione dei centri dedicati alle persone stomizzate permette di “confezionare” un dispositivo a misura di paziente.

 

Ovviamente, l’utilizzo di un prodotto convesso rende necessario che la persona stomizzata sia attentamente monitorata e correttamente educata al fine di prevenire complicanze quali ad esempio il distacco muco-cutaneo, la formazione di granulomi, ematomi, eritema, discolorazione della cute, dolore, fastidio causato dalla rigidità e traumi capillari; va posta particolare attenzione, inoltre, a pazienti con varici peristomali, lesioni da pressione, ernie parastomali, malattia di Chron.

 

Una gestione oculata del percorso ambulatoriale potrebbe prevedere un monitoraggio più ravvicinato nel primo mese dopo il confezionamento, ogni due settimane, successivamente ogni 3-6 mesi a discrezione dell’operatore sanitario e delle necessità del paziente. L’utilizzo appropriato di un dispositivo convesso può modificare positivamente la vita di una persona stomizzata: avere una sacca che rimane in sede per i tempi previsti, una cute integra senza bruciore o prurito, poter percepire la stabilità del proprio prodotto sotto gli indumenti a prescindere dalle azioni che si stanno svolgendo, permettono ad ogni individuo si sentirsi un po' più libero, più sereno, di rimettersi in gioco, di tornare alla miglior vita possibile.

 

 

 

 

Blog

Vedi tutto

12/02/2024

Aspetti legali

un uomo in giacca e cravatta con le braccia incrociate

Aspetti burocratici

Per ricevere supporto per orientarti tra le pratiche burocratiche, contattaci al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00

Maggiori informazioni

31/01/2024

Io non sono la mia stomia

una donna seduta su una sedia all'esterno

Giuliana C

La tua storia può aiutare gli altri a riprendere il timone della propria vita: condividi la tua esperienza e inviacela per e-mail all'indirizzo convatel.italia@convatec.com

Maggiori informazioni

31/01/2024

Io non sono la mia stomia

un uomo in una giacca gialla che tiene una bicicletta in riva a un fiume

Massimo B

La tua storia può aiutare gli altri a riprendere il timone della propria vita: inviacela per e-mail all'indirizzo convatel.italia@convatec.com

Maggiori informazioni

22/01/2024

Il parere degli esperti

un medico e un paziente

Quando confezionare una stomia

Per conoscere l'ambulatorio di stomaterapia più vicino alla Sua abitazione, contatti il servizio me+ al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00

Maggiori informazioni

22/01/2024

Il parere degli esperti

una donna che sorride per la macchina fotografica

Integrità della cute

Per conoscere l'ambulatorio di stomaterapia più vicino a casa tua, contatta il servizio me+ al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00

Maggiori informazioni

12/02/2024

Il parere degli esperti

una donna che parla al cellulare

Stomia e complicanze

Per conoscere l'ambulatorio più vicino a casa tua contattaci al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00

Maggiori informazioni

22/01/2024

Il parere degli esperti

un medico che si prende cura di un paziente

Confezionare una stomia

Per conoscere l'ambulatorio di stomaterapia più vicino alla tua abitazione, contattaci al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00.

Maggiori informazioni

22/01/2024

Il parere degli esperti

una persona seduta su una sedia

Scegliere il sistema di raccolta

Per conoscere l'ambulatorio di stomaterapia più vicino alla tua abitazione, contattaci al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00

Maggiori informazioni

22/01/2024

Il parere degli esperti

una donna che indossa gli occhiali

Stomia e accessori

Per conoscere l'ambulatorio di stomaterazpia più vicino alla tua abitazione, contatta il servizio me+ al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00

Maggiori informazioni

01/02/2024

Il parere degli esperti

un primo piano della mano di un bambino che tiene la mano di un bambino

Come effettuare lo stomacare

Per conoscere l'ambulatorio più vicino alla tua abitazione, contattaci al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00.

Maggiori informazioni

17/01/2024

Il parere degli esperti

una tavola imbandita di cibo

Alimentazione e stomia: mangiare bene

Per conoscere l'ambulatorio di stomaterapia più vicino alla tua abitazione, contattaci al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00

Maggiori informazioni

03/10/2023

Il parere degli esperti

una donna seduta a un tavolo

L’assistenza al paziente: l’importanza dell’ambulatorio di stomaterapia

Per conoscere l'ambulatorio più vicino a casa tua, contattaci al numero verde gratuito 800.930.930, dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00

Maggiori informazioni
Vedi tutto

Stai per lasciare convatec.com

Questo sito Internet può fornire link o riferimenti ad altri siti, ma Convatec non ha alcuna responsabilità per il contenuto di tali siti e non sarà responsabile per eventuali danni o lesioni derivanti da tale contenuto. I link ad altri siti sono forniti solo per comodità agli utenti di questo sito Internet.

Continuare?

Supporto
Contattaci
Convatec si impegna a mostrare sempre le informazioni e i dati più recenti, quindi le nostre pagine Web vengono continuamente riviste e aggiornate per garantire che dispongano delle informazioni più aggiornate e pertinenti