Stomia e vacanze: Stefano, ileostomizzato e Great Comebacks 2011, racconta

Ci racconti qualcosa di te?

Sono Stefano, ho 63 anni sono un insegnante di Judo. Mi piace fare sport e tenermi attivo.

Cosa vuol dire vivere con una ileostomia?

Convivo la stomia dal 1990: ho dovuto affrontare l’intervento a causa di una malattia familiare. Inizialmente mi aveva cambiato la vita, non sapevo come fare a gestirla. Poi, grazie al supporto dell’Associazione dei pazienti di Bologna, mi sono fatto una ragione della mia nuova condizione. È iniziata la mia rinascita: è come se oggi non avessi la stomia. Quando mi sono trasferito a Forlì ho conosciuto la mia stomaterapista Giovanna Tani e ho iniziato a frequentare l’Associazione, mettendo a disposizione la mia esperienza, che è stata d’aiuto per gli altri.

Quali accorgimenti prendi per dedicarti all’attività sportiva?

Io non ho mai smesso di fare sport; come insegnante, ora mi dedico alla formazione dei bambini. Devo solo prendere delle piccole precauzioni, quali cercare di non prendere colpi diretti sulla stomia e prestare attenzione quando effettuo particolari piegamenti. Qualora dovessi insegnare degli esercizi con movimenti particolarmente complessi, mi è basta insegnare la tecnica. Personalmente, adopero la cintura addominale per tenere la sacca più adesa all’addome e quando finisco di fare sport, cambio il sistema di raccolta.

Come ConvaTec ti ha aiutato a ritornare alla vita quotidiana?

Sicuramente con il prodotto che utilizzo, il sistema due pezzi modellabile che non cambierei con nessun altro sistema. Poi attraverso i servizi: le consulenti del servizio me+™ sono estremamente cortesi e competenti, pronte a supportarti per qualsiasi richiesta. Se dovessi dare un voto al servizio, darei 10! Apprezzo molto la rivista ConTatto, gli articoli presenti sul sito e i webinar: è importante essere informati. E, ultimo, ma molto importante, attraverso il Programma Great Comebacks™: ho conosciuto delle persone che mi hanno veramente motivato a riprendere le mie attività.

Perché è importante partecipare a Great Comebacks™?

Per me è un programma bellissimo, perché ti permette di incontrare tante persone che vivono la tua stessa esperienza. Bisogna partecipare perché la propria storia può davvero aiutare gli altri ad accettare la stomia. Ho conosciuto persone che avevano smesso di dedicarsi alle proprie passioni: dopo avermi ascoltato hanno trovato il coraggio di ritornare a provarci.

Cosa ti senti di dire a chi vive la tua stessa esperienza?

Di non abbattersi: è vero che all’inizio vedi il tuo corpo cambiare, e non è facile da accettare, ma bisogna guardare avanti ed essere ottimisti: tante persone non ce l’hanno fatta, noi siamo qui e abbiamo il dovere di onorare questa seconda possibilità. Il mio suggerimento è di avere fiducia in sé stessi.

>>> LEGGI LA STORIA DI STEFANO<<<